Materiali Ultimo aggiornamento 27/08/2015
 




 

HOMEPAGE

CHI SIAMO

MATERIALI

SERVIZI

CONTATTI

LINKS



 

 

 

Qui potrete trovare una rassegna dei materiali da noi utilizzati per ripristinare le pareti , i piani e le altre componenti dei forni.

Cominciamo con i mattoni refrattari utilizzati nella ricostruzione delle pareti dei forni crematori :

Qui è illustrato il mattone refrattario misure 22 x 11 x 6 utilizzato per le pareti portanti del forno crematorio

Questo mattone nella misura di 22 x 11 x 8 viene utilizzato nella parte superiore delle pareti del forno crematorio

Qui vediamo il mattone refrattario 22 x 11 x 6 utilizzato per l'isolamento termico della carpenteria metallica del forno crematorio

La foto illustra la particolare conicità di questo mattone 22 x 11 x 5,5 \ 6 che proprio per la sua singolare forma , viene utilizzato per la costruzione del volto del forno crematorio , visibile CLICCANDO QUI

La piastra in materiale refrattario nell'immagine misura 50 x 40 e viene utilizzata per la costruzione dei piani dei forni crematori

Anche queste due tipi di piastre 40 x 20 x 6  e  25 x 35 x 6 servono per la costruzione dei piani dei forni crematori

Tavella refrattaria 22 x 11 x 2

 

SCHEDA  TECNICA  MATTONI  REFRATTARI  SILICOALLUMINOSI  E  ALLUMINOSI

 

SCHEDA  TECNICA  MATTONI  REFRATTARI  ISOLANTI  JM

 

 

 

VERMICULITE : La VERMICULITE allo stato naturale è una particolare variazione morfologica della mica.
Questo minerale, sottoposto a trattamento termico, perde l’acqua combinata e si espande dando origine
ad un ottimo materiale isolante in forma granulare, esente da impurità, sterile e chimicamente inerte. Data la sua origine minerale è incombustibile e imputrescibile. Il processo di espansione è irreversibile e pertanto il prodotto mantiene inalterate nel tempo le proprie caratteristiche.La Vermiculite non contiene amianto, come da analisi rilasciata dall’Institute of Occupational Medicine di Edimburgo (Report del 28/04/2000).

È disponibile in tre diverse tipologie che sono contraddistinte dalle seguenti denominazioni commerciali :

 • tipo Calcestruzzi
                                  • tipo Media
                                  • tipo Fine                                                         

La VERMICULITE, senza leganti o conglomerata con leganti inorganici, trova la sua principale applicazione, come isolante
termico ed acustico, nell’edilizia.Serve come base per realizzare speciali intonaci aventi caratteristiche fonoassorbenti (Acoustical Plastic) e antincendio (Igniver), nonchè per gli intonaci premiscelati destinati all’intonacatura dei locali.La VERMICULITE viene impiegata anche nell’industria, quale isolante termico per gli impianti industriali, nelle fonderie, per l’imballaggio di sostanze pericolose ed in agricoltura e floricoltura.

CARATTERISTICHE TECNICHE :
(valori misurati all’insacco)
- Peso specifico apparente all’insacco: 85 kg/m³ ± 15%
- Granulometria: 80% compresa tra 10 mm e 2 mm
5% passante 0,5 mm

 

 

Clicca per scaricare la scheda tecnica della VERMICULITE in formato PDF

Clicca per scaricare la scheda di sicurezza della VERMICULITE in formato PDF

 

 

 

SUPERWOOL : è un materiale a base di lana isolante per alta temperatura che possiede eccellenti proprietà isolanti ad alta temperatura. Non contiene leganti e lubrificanti e quindi non produce né fumo né odore durante la cottura , è stabile termicamente , ha una bassa capacità termica , è flessibile e facile da tagliare, da fustellare e da installare e resistente agli shock termici. Inoltre non reagisce con mattoni alluminosi nelle applicazioni alla temperatura d'utilizzo , mantiene la sua struttura fibrosa e soffice fino alla sua massima temperatura di utilizzo ed è esonerato da qualsiasi classificazione delle sostanze cancerogene secondo la nota Q della direttiva 97/69 EC.

TEMPERATURA DI CLASSIFICAZIONE
1300°C (ENV 1094-3)

 

 

 

 

SCHEDA  TECNICA  CEMENTO  REFRATTARIO  GUN PUTCH  A  BASE  DI  CHAMOTTE

 
COSTITUENTE PRINCIPALE  

Chamotte

 

TEMPERATURA MASSIMA D'ESERCIZIO  

1500 C°

 

TEMPERATURA DI FUSIONE  

1700 C°

 

ANALISI CHIMICA  

Al2O3+TiO2 50-52 %

SiO2 38-40 %

CaO 3,8-4,2 %

 

QUANTITA' DI ACQUA  

9-10 L/100Kg secco

 

DENSITA' APPARENTE DOPO COTTURA a 1000 C°  

2,25 Kg/dm3

 

CONDUCIBILITA' TERMICA  

  110[C°] 0,55 Kcal/(m•h•C°)   

  500[C°] 0,55 Kcal/(m•h•C°)  

  900[C°] 0,55 Kcal/(m•h•C°)  

 

DILATAZIONE REVERSIBILE a 1000 C°  

0,42%

 

DILATAZIONE (+) O RITIRO (-) DOPO COTTURA A :  

1000 C° -0,1 %

1350 C° -0,3 %

 

RESISTENZA ALLA COMPRESSIONE DOPO PRESA  

500 Kg/cm3

 

  RESISTENZA ALLA COMPRESSIONE DOPO COTTURA A :     

500 C° 500 Kg/cm3

1000 C° 650 Kg/cm3

 

APPLICAZIONE

 

Colo - Colo vibrato

 

 

 

TERRA  REFRATTARIA

Terra refrattaria in polvere, finemente macinata. Miscelata ad altri leganti, quali cemento fuso o cemento edile tipo Portland dà origine ad una malta refrattaria indicata per la posa in opera di prodotti refrattari come i piani dei forni.

   Al2O3 [%]    

   SiO2 [%]        C.C.S.[kg/cm2]    

28

60

(1100°C) 150

 

 

BLAKER  o  BLAKITE

E' una malta con presa all'aria costituita da granulati finemente macinati e mescolati con speciali leganti. Ha una buona presa e forma un giunto molto resistente ed una struttura quasi monolitica della muratura.

Viene utilizzata come legante per ogni tipo di mattone refrattario e in ogni costruzione di forni.

Clicca per scaricare il manuale d'uso della Blakite in formato PDF 

 

Proprietà Blakite®
Classificazione (ASTM C -199 - 84)
Temperatura di classificazione °C (temperatura ambiente)
Super Duty
1650
Proprietà a 23 °C/ 50 % RH
Densià kg/m3 (applicata)
Viscosità mm (metodo Thermal Ceramics)
Modulo di rottura Mpa (asciugato at 100°C)
Deformazione permanente lineare dopo asciugatura di 24 ore %

1900
24
20
-2.3
Resa ad alte temperature
Refrattarietà  PCE (ASTM C - 24 - 84)

33
Composizione chimica %
Al2O3
SiO2
Fe2O3
TiO2
CaO + MgO
Na2O + K2O

43.1
51.7
1.2
1.0
0.2
2.7
Quantità richiesta per fissare 1000 mattoni* (kg)
*La quantità dipende dallo spessore dell'applicazione e dalla porosità del mattone.  
200

 

 

CORDONI  DI  FIBRA  DI VETRO  E  FIBRA  CERAMICA

Questi materiali vengono utilizzati come isolanti e/o coibentanti termico/acustico e per la realizzazione di guarnizioni ad alta resistenza termica. I componenti fondamentali sono l'ossido di silicio e l'ossido di alluminio in proporzioni variabili.

Nelle fibre di vetro sono presenti anche ossidi alcalini, come ossido di calcio ed ossido di manganese, che nelle fibre ceramiche sono invece praticamente assenti. I componenti vengono riscaldati a temperature variabili dai 1800°C ai 2000°C fino a raggiungere lo stato liquido. La massa fluida viene quindi forzata attraverso una trafila microforata da cui emergono delle fibre dello spessore di pochi micron che vengono quindi raffreddate. Il prodotto così ottenuto viene sottoposto a varie successive lavorazioni complementari, a seconda dell'utilizzo finale del prodotto, come la feltratura con resine organiche, l'accoppiamento con supporti di varia natura, il confezionamento. Le fibre di vetro resistono a temperature di circa 500-600 °C, mentre le fibre ceramiche hanno una resistenza termica che raggiunge i 1200 °C. Le caratteristiche generali di queste fibre sono la resistenza termica, la capacità isolante, la resistenza agli shock termici, l'incombustibilità, la buona stabilità dimensionale, l'ottima flessibilità, la buona resistenza agli aggressivi chimici e meccanici. Le fibre possono essere lavorate tessilmente per produrre cordoni , trecce , nastri , tessuti , materassini , ecc... L'impiego varia a seconda della densità del prodotto , della sezione e della specifica composizione della fibra , ecc...

       

 

 
  presa Edile Balduino Giuseppe - Ripristino e ricostruzione materiale refrattario - Via Sante Vincenzi , 35 - 42122 Reggio Emilia (RE) - Tel.3472658972  

P.IVA 02448560355